Quasi mezzo miliardo di USDT coniati nelle ultime 36 ore di rally Bitcoin

Dei 450 milioni di nuovi gettoni USDT, più di 185 milioni sono stati distribuiti con 126,9 milioni di USDT destinati al solo Binance.

Il Tesoro del Tether ha coniato quasi mezzo

Il Tesoro del Tether (USDT) ha coniato quasi mezzo miliardo di nuovi gettoni USDT e ha distribuito più di 185 milioni di gettoni agli scambi e ad altri indirizzi nelle ultime 36 ore. Come dimostrato dal blockchain tracker Whale Alert, due transazioni di 150 milioni e 300 milioni di gettoni USDT sono state coniate rispettivamente il 20 e il 21 ottobre.

I primi 150 milioni sono stati stampati solo poche ore prima dell’annuncio di Paypal e del rally dei prezzi Bitcoin (BTC) che ne è seguito. Sebbene alcuni abbiano sollevato le solite accuse di manipolazione del mercato in risposta ai tweet di Whale Alert, entrambe le transazioni sono state riconosciute dal Tether CTO Paolo Adoino come „inventory replenishes“ non pubblicati sul Tron (TRX) Network:

Dal conio di 150 milioni di USDT di ieri, 15 transazioni per un totale di 185,9 milioni di USDT sono state inviate alle borse, tra cui Bitfinex, e Huobi, oltre a diversi „indirizzi sconosciuti“.

Quasi il 70% (126,9 milioni di USDT) dei gettoni inviati dal Tesoro è finito a Binance

Il portafoglio del Tether Treasury ora contiene solo poco più di 280 milioni di USDT. L’ultima delle transazioni è avvenuta un’ora dopo che la corsa da 300 milioni di USDT è stata coniata. L’emissione del Tether è stata spesso legata ai rally dei prezzi Bitcoin, anche se c’è un costante dibattito „uova e galline“ sul fatto che l’emissione conduca il rally o sia in risposta alla domanda.

Nell’aprile di quest’anno, Tether ha coniato 160 milioni di USDT durante il rally dei prezzi Bitcoin a 9.000 dollari. È arrivata una settimana dopo la pubblicazione della ricerca che ha sostenuto che l’USDT non è usato per manipolare il prezzo del Bitcoin.

Il market cap di Tether è cresciuto di oltre il 400% rispetto all’anno precedente fino a raggiungere i 15,9 miliardi di dollari.